Campionato Italiano Cross Country Rally

Come tutte le discipline fuoristradistiche, il Cross Country Rally si svolge su fondo prevalentemente sconnesso su cui si evidenziano le abilità di guida dei conduttori e l’affidabilità dei mezzi ma la particolarità che lo distingue è l’essere un evento sportivo che copre diversi territori di gara. Una delle importanti differenze con le altre discipline fuoristradistiche è la lettura del road-book durante tutta la gara e la navigazione detta “a vista”, in quanto il percorso è sconosciuto agli equipaggi e sono vietate le ricognizioni ante-gara. Il percorso si compone di settori selettivi in cui viene cronometrata la velocità e settori di trasferimento in cui vige la regolarità.

Il Cross Country Rally è normato da ACI SPORT con la N.S. 22 dell’annuario oltre alle norme supplementari (N.S.) comuni alle varie specialità.

Esistono 3 tipi di gara, secondo le “general prescriptions” FIA (Federation Internationale de l’Automobile):

  1. Cross-Country Rally:
  • Distanza totale di gara: tra i 1200 e 3000 km.
  • Settori Selettivi: minimo 1200km
  • Durata totale: non più di 8 giorni incluse verifiche.
  1. Cross-Country Marathon Rally (Marathon):
  • Distanza totale di gara: deve essere superiore a 5000km
  • Settori Selettivi: minimo 5000 km;
  • Durata totale: non può superare i 21 giorni incluse verifiche
  1. Cross-Country Baja (Baja):
  • distanza totale:
  • 1 giorno di gara: max 600 km totali
  • 2 giorni di gara: distanza max 1000 km totali
  • sosta obbligatoria tra le due tappe: min. 8–max 20 ore
  • Settori Selettivi: totale minimo 300km e massimo 800km
  • Super Special Stage: deve essere corsa in un giorno extra

In Italia solo l’“Italian Baja”, è una gara di coppa del mondo FIA Cross Country Rally World Cup (organizzata da Fuoristrada Club Pordenone associato alla Federazione Italiana Fuoristrada) mentre le altre gare del Campionato Italiano Cross Country Rally Baja, per ragioni di territorio e permessi limitati, seguono una normativa diversa:

  • L’evento si articola in 2 Tappe comprese od escluse Verifiche ante-Gara ed eventuale Super-Speciale.
  • La lunghezza totale minima complessiva è di 200 km.
  • La lunghezza totale dei Settori Selettivi deve essere superiore ai 120 km.

Il Cross Country Rally che per tipologia richiama le avventure dakariane, si chiamava fino al 2009 “Rally ToutTerrain”, rinominato poi Cross Country Rally secondo le direttive FIA.

La Federazione Italiana Fuoristrada era interprete spesso “di coda” al Tout Terrain italiano, con la partecipazione dei propri soci al campionato di regolarità che ha creato grandi piloti, chiamato Challenge negli anni d’oro delle notturne. Trasformato in Gran Criterium, destava interesse da parte di ACI SPORT in quanto i piloti che vi partecipavano dimostravano di essere alla stessa altezza di quelli del Campionato Italiano Rally Tout Terrain. Nel 2009, soprattutto per questioni di adeguamento alle normative di sicurezza, la “categoria FIF” veniva dunque passata nel gruppo TH del nuovo Cross Country Rally, gruppo per le “scadute omologazioni” in cui confluiscono anche le auto che risultano aver corso l’ultimo Gran Criterium FIF.

Con tale passaggio la Federazione Italiana Fuoristrada ha promosso il Trofeo TH Group, portando la categoria della regolarità al regolamento del Cross Country ad eccezion fatta per la classifica assoluta, ancor oggi “trasparente”, per cui i piloti di fatto prendono punti unicamente per la classifica TH.

La Federazione Italiana Fuoristrada da anni è organizzatore di una delle tappe Baja del Campionato Italiano Cross Country Rally e parte integrante del tavolo direttivo della Sottocommissione ACISPORT “Abilità 2”.


Visualizza l’elenco del
consiglio federale

Visualizza i contatti
dei delegati regionali

Dubbi o domande ?
entra in contatto!